Scanner e Amiga... Si può?
Ovvero tutto quello che avreste voluto chiedere sull'utilizzo di uno scanner con Amiga, e che magari avete anche fatto, ma che nessuno ha mai detto.

Torna all'indice delle recensioni Hardware Quali possono essere le soddisfazioni materiali per una persona? Comprare un'auto nuova? Riuscire a prendere 30 in un esame particolarmente difficile? Vincere un trofeo in una qualche competizione? Oppure acquistare una periferica nuova fiammante, collegarla al proprio computer, ed usarla! Immediatamente!! Senza dover installare niente di particolarmente trascendentale. Ecco, questo è quello che ho fatto con il mio scanner, l'ho comprato, collegato, brevemente settato e dopo 2 minuti! Le mie migliori foto erano lì, sullo schermo del mio fido AMIGA! Cosa c'è di strano direte voi, bha! Forse niente, salvo il fatto che il controllor SCSI che pilota lo scanner è del 1991! quando cioè gli scanner piani li utilizzavano soltanto i professionisti, e che all'interno del CD-ROM in dotazione allo scanner, non c'era alcun programma per piattaforma Amiga. Forse un Pentium dell'ultima generazione non avrebbe saputo fare di meglio.


ModalitÓ e configurazione della prova:
Questo articolo analizzerà l'utilizzo di due scanner piani della EPSON, il GT-9500 ed il più economico GT-5500, tramite il programma ScanQuix, distribuito in italia dalla Fractal Minds, di Roma, giunto alla versione 3.5.
I due Amiga a cui sono stati collegati questi scanner, sono uno super bombato, AMIGA 4000/PPC, con 128 Mega di ram, e scheda grafica Cybervision 64, ed uno più modesto, composto da Amiga 1200 con Blizzard 030 a 50 MHz,48 Mega di ram, senza alcuna scheda grafica.
Allora se siete pronti, allacciate i mouse di sicurezza, aggrappatevi saldamente alle vostre tastiere, perchŔ si SCANNERIZZA!!!!!!

Il programma ScanQuix 3.5
La confezione di questo prodotto, non è delle più accattivanti: praticamente una busta postale formato A5, però noi amighisti badiamo al sodo, per cui senza stare troppo ad analizzare il contenitore ci gettiamo subito sul contenuto, che poi è quello che conta. All'interno trovano posto la cartolina di registrazione, un floppy contenente il programma, ed un'altro con i driver specifici per il proprio scanner, difatti al momento dell'ordine bisogna comunicare il modello di scanner posseduto; questo stratagemma è stato studiato dalla Fractal Minds per cercare di frenare un po' la pirateria. Infine troviamo un manualetto di 40 pagine, interamente tradotto in italiano. Su questa cosa vale la pena soffermarsi: è molto difficile trovare dei programmi per amiga veramente validi, e lo è ancora di più trovarli con il manuale in italiano. Il merito di questa traduzione va ovviamente tutto alla ditta distributrice, la quale ha tradotto anche altri software, come il mitico Turbo Print.

Foto scannerizzata con ScanQuix 3.5L'unica nota di demerito va all'installer, il quale si blocca, non portando a termine l'operazione, quasi alla fine. Lo ha fatto con entrambi i sistemi, e non sono riuscito a capirne il motivo, la stessa Fractal Minds da me interpellata non ha saputo darmi una risposta, anche perchè non gli era mai capitato; comunque vada il programma funziona ugualmente.
Una volta installato, si lancia ScanPrefs per settare il proprio scanner. Se si usa, come nel mio caso, una interfaccia SCSI si dovrà indicare il numero di ID, altrimenti sarà sufficiente selezionare Parallelo. Salvate le preferenze, si lancia il programma vero e proprio.
Esso è diviso in due parti: la prima che permette di caricare un'immagine e di apportarvi alcune modifiche (ad es. ruotarla, capovolgerla...) oppure stamparla. La seconda invece è quella per cui si è comperato, ovvero la scansione.

Una volta entrati in questa parte del programma si aprirà una finestra dove si potrà scegliere il numero di DPI, la grandezza dell'immagine,il numero dei colori, la luminosità ed altre cosette. Con il bottone Preview si aprirà una finestra dove si potrà vedere una scansione molto grossolana dell'immagine; un rettangolo rosso dimensionabile, all'interno della preview, serve per definire l'area di scansione quando si andrÓ ad effettuare l'acquisizione vera e propria.
Una volta selezionata l'area, i DPI ed il numero dei BitPlane, in basso al request di scansione verrà comunicata la memoria necessaria per effettuare l'operazione. Se tutto è ok, con il tasto Start Scan si potrà far partire la scansione. Una volta effettuata, si potrà salvare l'immagine in due formati: IFF o JPG.

Il pacchetto ScanQuix è provvisto anche di due altri programmi: Photocopy e Scandisk. Con il primo è possibile utilizzare l'accoppiata scanner/stampante come una fotocopiatrice, mentre il secondo permette di effettuare delle scansioni direttamente su supporto magnetico, per permettere di lavorare anche con poca RAM.
Su questo software non c'è da dire nient'altro di rilevante, a parte il fatto che oltre ai modelli della EPSON si possono avere i driver per gli Scanner dell'HP, Paragon ed Artec. Tutte le altre funzioni, minori, qui tralasciate, saranno facilmente apprendibili leggendo l'ottimo manuale.

Amiga bombato e GT-9500:
La configurazione di questa prova è molto generosa, Amiga 4000 con PPC a 180MHz, 128M di Ram, scheda grafica Cybervision 64 e l'ottimo scanner GT 9500 della Epson, con una risoluzione di ben 600X600 dpi ottici! Per tutte le altre caratteristiche dello scanner, vi rimando alla tabella qua a fianco.

L'interfaccia che ho usato Ŕ una vecchia GVP IMPACT Series II, che con le Guru ROM funziona perfettamente sul mio Amiga, pilotando fra le altre cose anche un masterizzatore; non ho utilizzato l'interfaccia SCSI integrata sulla PPC, semplicemente perché essendo una Ultra Wide i cavi ed i vari connettori costano moltissimo.

La velocità di scansione dichiarata dalla EPSON viene tenuta perfettamente, inoltre è possibile superare la risoluzione di 600 dpi, per chi ne avesse necessità, ed utilizzare una specie di interpolazione software, ma la cosa non è di grande effetto.

Sul retro dello scanner trovano posto 2 connettori SCSI, per effettuare il By-Pass, un connettore per interfaccia parallela, il selettore per il numero ID ed un'interruttore per terminare oppure no la catena SCSI. Inoltre, è possibile inserire un'alimentatore automatico dei fogli.

Il connubio fra queste due macchine è perfetto, lo scanner esegue sempre quello che gli si dice di fare ed in nessun caso ci sono stati problemi.

Scanner Epson GT-9500

Tipologia: scanner a colori a piano fisso con coperchio rimovibile - scansione a singolo passaggio
Assorbimento: massimo 50 W
Risoluzione ottica: 600 x 600 dpi
Massima risoluzione in output: 4800 dpi
Colori in input: 36 bit per pixel
Colori in output: 24 bit per pixel
Densità ottica: 3.0
Gamma correction: 2 livelli per video, 3 livelli per la stampante, 1 livello definito dall'utente
Correzione colore: Monitor colori, stampante termica, getto d'inchiostro, impatto, definibile dall'utente
Halftoning digitale: Mezzetinte modalità A-B-C, 4 retini sfumati A-B-C-D, 2 retini sfumati definiti dall'utente
Velocità: 5,5 msec/linea (256 livelli di grigio a 600 dpi); 8 msec/linea (colore a 600 dpi)
Interfacce: Parallela bi-direzionale, SCSI
Area massima di lettura: 216 x 297 mm (A4)
Affidabilità: MCBF: 100.000 cilci di scanning
Dimensioni e peso: 133 mm (A); 322 mm (L); 563 mm (P); 10 Kg
Opzioni: Alimentatore automarico fogli singoli (30 fogli); lettore diapositive A4
Garanzia: 1 anno (estendibile a 3 acquistando CoverPlus+)
Scanner Epson GT-5500

Tipologia: scanner a colori a piano fisso formato A4 con coperchio rimovibile - scansione a singolo passaggio
Assorbimento: circa 25 W durante la scansione
Risoluzione ottica: 400 (H) x 800 (V) dpi
Risoluzione in output: 50 - 3200 dpi
Colori in input: 30 bit per pixel
Colori in output: 24 bit per pixel
Gamma correction: 2 livelli CRT (A,B), 3 livelli per la stampante (A,B,C), 1 livello definibile dall'utente
Correzione colore: Monitor colori, stampante ad impatto, termica, a getto d'inchiostro, definibile dall'utente
Halftoning digitale: Epson Auto Area Segmentation: 3 modalità diffusione di errore (A,B,C), 4 modalità Dither (A,B,C,D), 2 modalità definibili dall'utente
Zoom: da 50% a 200%, con passi da 1%
Velocità: circa 1.9 msec/linea (monocromatico, modalità draft, 400 dpi); circa 5.8 msec/linea (colore, modalità draft, 400 dpi) Interfacce: interfaccia SCSI
Area massima di lettura: 216 x 297 mm (A4)
Affidabilità: MCBF: 100.000 cilci di movimento del carrello per l'unità principale
Dimensioni e peso: 87 mm (A); 297 mm (L); 443 mm (P); 5 Kg
Garanzia: 1 anno (estendibile a 3 acquistando CoverPlus+)
Amiga modesto e GT-5500:
L'amiga utilizzato per questa prova è un 1200 equipaggiato con una blizzard 1230 a 50MHz con la sua relativa interfaccia SCSI, e 48MB di Ram. Lo scanner, il GT 5500 è dotato soltanto della porta SCSI passante, per permettere il collegamento di altre periferiche e la sua risoluzione ottica è di 400X800 dpi (direi più che sufficente per soddisfare anche i grafici più esigenti).

Anche in questo caso non ci sono stati problemi rilevanti, a parte il fatto che per far vedere lo scanner all'interfaccia della Blizzard, bisogna accenderlo prima di effettuare il boot del sistema operativo. Questo è un piccolo problema, che, una volta conosciuto, si riesce ad evitare tranquillamente. Tra le altre cose anche questa interfaccia ha pilotato in passato un masterizzatore con esiti stupefacenti.

Tiriamo le conclusioni
Volendo si possono utilizzare anche scanner con interfaccia parallela, tipo il GT-5000 sempre della EPSON, però prima bisognerà procurarsi un cavo parallelo modificato, oppure costruirsene uno da soli, seguendo le indicazioni riportate nel riquadro qua sotto.
Le marche degli scanner supportati dal programma danno garanzie di ottima qualità; anche se i prezzi dei loro prodotti sono superiori ad quelli di altri prodotti che possiamo trovare in commercio, vi assicuro che le differenze sono abissali, provate a chiedere a qualche vostro amico con PC, che ha comprato uno scanner da 200 mila lire, come si trova.

I cavi da utilizzare per uno scanner parallelo
Cavo con specifiche ASDG

Schema del cavo con specifiche ASDG

Dal pin 18 al 25 del computer sono collegati insieme, e vanno ai pin dal 19 al 30 ed il 16 dello scanner.
Inoltre i pin 15, 17, 18, 33, 34 e 35 del connettore per lo scanner non sono collegati.

Cavo con specifiche GVP

Schema del cavo con specifiche GVP

I pin dal 18 al 25 della presa parallela non sono collegati. Lo stesso vale per i pin 15 ,17 ,18 ,33 ,34 e 35 dello scanner.

Bene per questa volta è tutto, il mio indirizzo E-Mail per contattarmi e chiedermi qualsiasi altra delucidazione in merito Ŕ: guidodo@tin.it.


Scheda di valutazione
Nome prodottoVoto
Programma ScanQuix 3.590/100
Scanner Epson GT-550090/100
Scanner Epson GT-950098/100

Torna alla Home Page di AMiWoRLD


Copyright AMiWoRLD
Contact:
petty@amiworld.it
[Made On Amiga]